Assegnata, a Napoli, la 12’ Dinghy World Cup

Meteo Napoli


  Temp. Cielo Vento
Oggi 10°/ Nubi sparse Vento molto forte da nord-est
Dom / Nubi sparse Vento forte da nord-est
Lun 12°/ Nubi sparse con qualche pioggia Vento forte da nord-est
Mar 12°/ Sereno Vento moderato da nord
Mer 16°/ Nubi sparse Vento moderato da nord-est

Agenda Eventi

mese precedenteFebbraio 2019mese successivo
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314Cineforum151617
18192021222324
25262728Cineforum123
45678910

Cerca nel sito

cerca nel sito
notiziario cstn
Febbraio 2019
Instagram LNI Napoli Facebook LNI Napoli Facebook Gli Svak(ati)
Assegnata, a Napoli, la 12’ Dinghy World Cup
18/07/2013

Condividi

Con l’ultima prova di oggi, si è conclusa la competizione che ha visto il Golfo protagonista

Si è conclusa, con l’ultima prova di oggi delle sette previste, la quarta edizione della 12’ Dinghy World Cup.

L’ha spuntata, nell’attesissima sfida tra i due fuoriclasse Dodo Gorla e Paolo Viacava, proprio Viacava che si è preso, così, la rivincita nei confronti del campione olimpionico che, due mesi fa, l’aveva battuto di un solo punto al Campionato Italiano.

Una vittoria facile, quella del ligure – che vanta ben 11 titoli italiani nel palmares -  che, oggi, non ha dovuto nemmeno scendere in acqua, avendo già collezionato quattro vittorie nei giorni scorsi.

Giorgio Gorla si è classificato secondo mentre, il terzo posto, è andato a Filippo Iannello.

Tra le donne, l’ha spuntata Paola Randazzo che ha, così, battuto la segretaria di classe Francesca Lodigiani mentre tra i master (over 60) ancora Giorgio Gorla, primo classificato.

Primo dei classici, gli scafi tutti in legno, Dani Colapietro (Circolo Velico La Spezia), un habituè del Golfo di Napoli, dove ha vinto il Campionato Italiano nel 1997. Secondo, il ligure Alberto Patrone e terzo il toscano Uberto Capannoli. Il romano Giorgio Pizzarello si è classificato primo tra i master over 60 mentre Roberto Armellin è arrivato primo tra gli over 70. Tra gli juniores, la vittoria è andata a Romeo Giordano del Circolo Posillipo.

Unica presenza femminile, tra gli scafi tutti in legno, la canadese Nicky Amoldus che regatava con la figlia di appena 5 anni.

Il golfo di Napoli si è confermato perfetto stadio del vento, permettendo delle regate altamente tecniche e spettacolari, con un vento da sud ovest che ha raggiunto, al massimo, gli 8 nodi.

La scelta del capoluogo partenopeo come sede dell’evento è un omaggio alla lunga storia che lega la città alla piccola imbarcazione dalla caratteristica forma a guscio di noce: per quaranta anni, infatti, a partire dagli anni 30, velisti e costruttori napoletani sono stati tra i più significativi esponenti di questa  classe, collezionando titoli e “mettendo in mare” una flotta numerosissima di questa imbarcazioni.

L’evento è stato organizzato dal Comitato Promotore “Grande Vela” costituito da CRV Italia, RYCC Savoia, CN della Vela, CC Napoli, CN Posillipo, CN Torre del Greco, LNI sezione Napoli e SV Marina Militare.

Main sponsor della manifestazione, il pastificio Di Martino che – tra l’altro – metterà a disposizione dei vincitori maxi confezioni di pasta, un assaggio dell’autentica tradizione culinaria partenopea.

 

P7142140-1024.jpgP7142143-1024.jpgP7142188-1024.jpgP7142192-1024.jpgP7111636-1024.jpg
vai alla gallery Gallery
chiudi precedente successiva
.
Caricamento in corso...